Info

E' vietato l'uso del materiale fotografico contenuto in questo sito senza il consenso dell'autore.

venerdì 22 ottobre 2010

FLY

Fotografare insetti in volo non è certo la cosa più facile di questo mondo, tuttavia studiando attentamente le abitudini degli insetti e l'habitat in cui si muovono permette di aumentare le probabilità di ottenere qualche buon scatto.
Allego di seguito qualche foto di insetti ripresi in volo.









mercoledì 20 ottobre 2010

Fotografare con la rugiada

Alzarsi la mattina prima che sorge il sole ha diversi vantaggi per chi piace fotografare insetti e per gli amanti della natura in generale.
A quell'ora tutto è calmo, questo avvantaggia non poco gli amanti della macrofotografia, in assenza di vento è possibile scattare con il cavalletto ed usare tempi di esposizione sufficientemente lunghi dell'ordine di uno o più secondi.
Inoltre spesso è possibile trovare soggetti (lepidotteri, odonata, ecc..) completamente ricoperti di rugiada, questo conferisce alla foto stessa maggior enfasi.
Allego di seguito qualche foto scattata di mattino presto:



Pubblicata sul National Geographic Magazine (Ottobre 2008)





domenica 17 ottobre 2010

Il Sele, un fiume che vola

La Valle del Sele è appunto attraversata dal fiume Sele, un fiume che ancora oggi può fregiarsi del titolo di fiume pulito, lungo il corso di tale fiume numerosi sono gli affluenti minori, inoltre vi si riversano nella zona termale in prossimità di Contursi Bagni le acque calde a base di zolfo.
In particolari condizioni termiche e grazie anche alle acque calde che vi si riversano è possibile scorgere uno spettacolo naturale degno di nota, ovvero il fiume che vola.
In effetti quando tali condizioni termiche si verificano si ha un'evaporazione delle  acque e si forma un cordone di nebbia lungo tutto il tratto fluviale, sollevato dal letto del fiume di pochi metri, la sensazione è appunto quella di vedere il fiume in volo !
E' uno spettacolo che si presenta di rado e quasi sempre osservabile la mattina presto(anche se mi è capitato di osservare lo stesso fenomeno anche nella tarda sera).
Ho provato in più occasioni di riprendere tale fenomeno e Vi mostro qualche foto che almeno in parte rende l'idea.



















venerdì 15 ottobre 2010

La Natura che "muta"

Tra gli eventi più affascinanti che avvengono in natura c'è certamente la muta degli insetti, è incredibile come taluni insetti si trasformino in qualcosa che poco o nulla ha a che vedere con ciò che era prima della muta.

Di seguito alcuni scatti di insetti nella loro fase di trasformazione:











giovedì 7 ottobre 2010

Eremo S.Giacomo - Campagna (Sa)

Arroccato sui monti di Campagna si trova l'antico Eremo di S.Giacomo, nascosto e mimetizzato nelle insenature naturali del costone che lo ospita è praticamente invisibile dalla valle sottostante.
Con un gruppo di amici e guidati dall'esperto locale sig. Tonio Izzo decidiamo di fare visita a tale Eremo, programmiamo l'escursione a tavolino e ci procuriamo un fuoristrada che ci porterà attraverso una stradina sterrata a pochi chilometri dall'Eremo stesso.
Una volta lasciato il fuoristrada si presenta una montagna talmente ripida da scalare che si rende necessario l'utilizzo di una corda per proseguire in sicurezza.


la scalata
la scalata
Dopo circa 20 minuti di piacevole scalata, grazie anche alla giornata particolarmente soleggiata, è possibile intravedere l'Eremo di San Giacomo
Eremo di S. Giacomo

Da questa altezza si può osservare la valle sottostante ed in particolare il centro abitato di Quadrivio dallo stesso punto di vista dei falchi che volteggiano alla nostra altitudine
La Valle vista dall'Eremo S. Giacomo
Proseguendo si arriva all'Eremo e la sensazione è quella di tornare indietro nel tempo, quando l'Eremo stesso era luogo di meditazione.

















Dei livelli sottostanti l'Eremo rivelano degli affreschi(oramai in cattivo stato di conservazione)








Pianta


Tutte le foto alla seguente gallery
http://picasaweb.google.it/gugliucciello/EremoSGiacomoCampagnaSa#



Visualizzazione ingrandita della mappa